lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Esine
di DAVIDE ALESSI 08 apr 12:23

17 nuovi specialisti per l'Asst

La Giunta regionale della Lombardia ha approvato la preintesa sulle Risorse aggiuntive regionali (RAR) per l'anno 2017, su richiesta dell'Assessore al Welfare Giulio Gallera, per il sostegno attivo della sanità di montagna con figure di medici specialisti di cui si sente particolarmente necessità nei reparti ospedalieri

Nella seduta di lunedì 3 aprile la Giunta regionale della Lombardia ha approvato la preintesa sulle Risorse aggiuntive regionali (RAR) per l'anno 2017, su richiesta dell'Assessore al Welfare Giulio Gallera, per il sostegno attivo della sanità di montagna con figure di medici specialisti di cui si sente particolarmente necessità nei reparti ospedalieri. La delibera finanzia con 5.000 euro all'anno per tre anni il medico che intenda trasferirsi a lavorare stabilmente in uno degli ospedali del territorio dell'ATS della Montagna, prevedendone ben 49, di cui 17 in Vallecamonica. E proprio per questro territorio i medici sono stati individuati seguendo le indicazioni fornite all'ATS della Montagna dall'Asst della Val Camonica sulla necessità di avere a breve 4 anestesisti e rianimatori e 2 anestesisti rianimatori per l'Automedica, 3 specialisti per i due Pronto soccorso di Esine e Edolo, 2 Psichiatri, 2 Medici specialisti in Cure palliative, 2 specialisti in Igiene ed Epidemiologia, 1 Pediatra ed un Cardiologo emodinamista.

La delibera della Giunta regionale sulle Risorse aggiuntive regionali prevede che tutti i medici siano assunti a tempo indeterminato, con un incentivo complessivo di 15.000 euro per i primi tre anni di attività sul territorio camuno. Il progetto, presentato nell'assise generale dell'ATS a Sondalo questo lunedì 3 aprile, dall'Assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, alla presenza del Direttore generale dell'ATS della Montagna, Maria Beatrice Stasi, del Direttore generale della ASST Valtellina Alto Lario, Giuseppina Panizzoli e del Direttore generale dell'ASST della Val Camonica, Raffaello Stradoni, è suggellato anche dalla sigla di tutte le rappresentanze sindacali della sanità. Prima della sua piena entrata in vigore prevede anche un ultimo passaggio con le rappresentanze sindacali territoriali, in modo che possa essere pienamente condiviso e adeguatamente pubblicizzato. Nel frattempo gli uffici competenti dell'ASST della Val Camonica stanno operando per far partire il prima possibile il progetto che dovrebbe vedere i primi assunti a tempi brevi.

DAVIDE ALESSI 08 apr 12:23