lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Milano
di MASSIMO VENTURELLI 30 nov 08:02

Premi alla responsabilità sociale

Ascolta

Consegnati ieri in Regione i riconoscimenti "Buone prassi" pensate per quelle realtà che fanno della responsabilità sociale d'impresa un fattore strategico di competitività al pari dell’innovazione, dell’efficienza della pubblica amministrazione o dei costi energetico. Sedici le realtà bresciana premiate

Responsabilità sociale d’impresa in primo piano ieri in Regione a Milano con la consegna dei premi “Buone prassi”. Il riconoscimento, giunto alla settima edizione è frutto della collaborazione tra Regione Lombardia e Unioncamere lombarda, che hanno voluto istituire un premio per tutte quelle realtà che fanno della responsabilità sociale d’impresa un fattore strategico di competitività al pari dell’innovazione, dell’efficienza della pubblica amministrazione o dei costi energetici. 105 sono state le imprese lombarde, tra queste 16 bresciane, premiate dall’assessore regionale allo Sviluppo economico Mauro Parolini. “La Regione– ha affermato l’assessore - è impegnata a diffondere concretamente questa visione, perché concorre a promuovere modelli di gestione d’impresa sostenibili, con un orizzonte ben più ampio della sola e legittima ricerca del profitto aziendale, in grado di affermarsi come driver per uno sviluppo più armonico del territorio”.

“Lo sviluppo economico è tale solo se è sostenibile e duraturo: il nostro obiettivo – ha continuato ancora Parolini - è quello di contribuire con questa iniziativa a diffondere e riconoscere modi esemplari di fare impresa che creano realmente benessere sociale, consapevolezza, pari opportunità, corresponsabilità, efficienza nella produzione, miglioramento della sostenibilità ambientale e della reputazione aziendale”.

Le 105 premiate documentano la capacità degli imprenditori di concepire il proprio benessere come parte di una comunità che può crescere solo se cresce insieme.

Queste le categorie prese in considerazione dal riconoscimento: ambiente (progetti, iniziative, marchi, sistemi di gestione con impatti positivi sull’ambiente (sistemi di gestione ambientale, eco innovazione, Emas, Iso14000); lavoro e conciliazione famiglia e lavoro (qualità del lavoro e relazioni con il personale, pari opportunità, conciliazione lavoro-famiglia, valorizzazione delle diversità, reinserimento categorie protette); società (iniziative a favore della società civile e/o comunità del proprio territorio come scuole, associazioni sportive e culturali, terzo settore, per il radicamento nella propria comunità”; mercato (qualità delle relazioni con clienti e consumatori, fornitori e partner commerciali, corretto comportamento con i concorrenti); governo e gestione dell’azienda (impegno di proprietà e/o direzione a policy e strategie responsabili, lotta alla corruzione, patti d’integrità, rating di legalità). Inoltre quest’anno è stato creato un riconoscimento speciale per le imprese femminili.

Sedici sono state le realtà bresciane premiate: Arcobaleno scs onlus, Associazione comunità Mamre onlus, Casa dello studente società cooperativa sociale, Centro di ringiovanimento naturale, Cittadini spa, Cooperativa sociale onlus RAphael, Farco srl, Sintex srl, Sinermed srl, Fedabo spa, Fraternità sistemi scs onlus, Inoxea srl, Ivar spa, La bottega informatica soc. coop. sociale onlus, La Nuvola soc. coop. soc. imp. soc. onlus, Romec snc, Streparava spa, Valsir spa.

MASSIMO VENTURELLI 30 nov 08:02