lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
di FLORA BRESCIANI 29 ott 15:13

Quando il maestro parla al cuore

E' dal 1990 che ogni tanto rileggo, come se fosse sempre nuovo, il libro "Quando il maestro parla al cuore" di Padre G.Courtois(1). E' per me simile ad uno scrigno dal quale estrarre ogni tanto un tesoro, cercando di adornarmene almeno per qualche giorno, essendo la nostra natura tentata da distrazione o dimenticanza

E' dal 1990 che ogni tanto rileggo, come se fosse sempre nuovo, il libro "Quando il maestro parla al cuore" di Padre  G.Courtois(1). E' per me simile ad uno scrigno dal quale estrarre ogni tanto un tesoro, cercando di adornarmene almeno per qualche giorno, essendo la nostra natura tentata da distrazione o dimenticanza. Come laica, madre e nonna, ne traggo tanto aiuto spirituale. Penso che potrebbe essere di aiuto anche ai sacerdoti che non lo avessero ancora letto, in quanto la sua lettura può (come è stata per me) rinvigorire la loro vocazione e renderla ancora più feconda. L'autore tratteggiò questa vostra significativa peculiarità: " Il Sacerdote deve essere Uomo di Dio, Uomo degli uomini, Uomo della Chiesa" e, aggiungeva le seguenti direttive a chi gli chiedeva consiglio in merito: Occorre "Trovare il tempo per la preghera, l'orazione e un giorno alla settimana dedicarlo al silenzio per ricaricarsi di Dio". Nel 1969 (un anno prima della sua morte) riaffermò riguardo al Sacerdote:" E' nella Chiesa, con la Chiesa e per la Chiesa che noi preti realizzeremo la nostra Missione". Nella Premessa si trova un'altra affermazione:" Il Sacerdote è misticamente il Suo Corpo (di Cristo) in stato di crescita, nutrito e vivificato da Lui nella misura in cui accetta di esserlo ...nel suo ruolo complementare per il bene di tutto il Corpo." Meditare questo "tesoretto" per sacerdoti e laici consente di ritrovare perle preziose che erano sfuggite al nostro sguardo e rafforzare il nostro comune cammino di fede.

(1)Nato a Parigi nel 1897, prese parte, come ufficiale, alla prima Guerra Mondiale 1914-18, sacedrdote nel 1925, morì a Roma nel 1970.

FLORA BRESCIANI 29 ott 15:13