lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Milano
di MASSIMO VENTURELLI 20 apr 08:11

"Tempo di libri": Brescia c'è

Alla prima edizione della manifestazione in corso negli spazi della nuova Fiera di Milano presenza bresciana con Confartigianato e Ancos (il suo circolo culturale) per il lancio di LiBrixia 2017 e di diverse case editrici

Grazie a Confartigianato Imprese, nei padiglioni di Fiera Milano Rho che sta ospitando “Tempo di libri”, la prima edizione della nuova fiera dell’editoria italiana, ci sarà spazio anche per l’intera filiera dell’editoria artigiana, con mostre, workshop e dimostrazioni dal vivo e anche per un pezzo di Brescia: negli spazi della Fiera di Milano viene presentata la quarta edizione di “Librixia – Fiera del libro”, promossa da Ancos Brescia, circolo culturale di Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Orientale in stretta collaborazione con il Comune di Brescia, in calendario dal 30 settembre al 8 ottobre prossimo. L’evento, che affonda le sue radici negli anni Trenta con l’avventura pionieristica dei primi librai del centro, è passerella oggi di autori italiani, giornalisti e grandi nomi della cultura e della lettura locale e nazionale. Grazie alla vetrina milanese LiBrixia ha la possibilità di essere presentata a operatori del settore, editori e scrittori, ma soprattutto al grande pubblico degli appassionati della lettura. 

A “Tempo di libri”, inaugurata ieri alla presenza del ministro della cultura Dario Franceschini, Confartigianato dispone di un proprio spazio, una grande vetrina dell’artigianato nel mondo del libro (Stand O28/P27 – Padiglione 4). Uno spazio che non solo offre visibilità e promozione ad alcune micro e piccole imprese dell’artigianato editoriale, ma anche un’ampia panoramica di tutte le professionalità artigiane che animano la filiera del libro: cartai, legatori, editori, tipografi, restauratori di libri. Un luogo animato con postazioni dimostrative ed esperienziali di maestri dei citati mestieri tradizionali per coinvolgere i visitatori nel mondo del saper fare artigiano: in particolare, durante l’intero arco della manifestazione si alterneranno in brevi workshop maestri artigiani legatori, restauratori e cartai per illustrare concretamente cosa significa fare fisicamente un libro e quali sono i segreti dei mestieri che da generazioni sono tramandati nelle botteghe artigianali. Un luogo che, per tutto il periodo della fiera, ospita anche la mostra “L’identità del libro nelle opere dei legatori artistici e dei restauratori artigiani”, che mette in mostra trenta volumi, antichi e moderni, frutto del lavoro di alcuni dei più importanti legatori artistici e restauratori artigiani d’Italia ed eccezionalmente raccolti in esposizione da Confartigianato Imprese, in collaborazione con il gruppo delle Legatorie artistiche del Consorzio Sistemacons. Un’occasione unica, al tempo degli e-book, per raccontare alcune delle tradizionali attività artigiane nel mondo del libro e per ricordare il piacere che, da sempre, l’identità fisica del principale strumento di trasmissione del sapere assicura ai lettori.

Alle 17.30 di oggi è in programma la presentazione del volume “Confartigianato – Dalle origini al consolidamento democratico (1946 – 1958)” edito dalla Guerini e associati. All’appuntamento interverranno Cesare Fumagalli, segretario generale di Confartigianato Imprese, Anna Pina Paladini, autrice del volume, Angelo Guerini, editore, e in qualità di moderatore Matteo Morandi, Fondazione Germozzi.

Sempre più spesso librerie biblioteche sviluppano come servizi all’utenza e ai clienti attività diverse: laboratori, workshop, eventi di animazione. Alcuni di questi possono essere legati ad attività che ruotano attorno al libro: i modi tradizionali di stampa, la rilegatura, il restauro di un libro o di una copertina, la stampa xerigrafica o xilografica, la fotografia. Il successo di queste iniziative – che si traducono in valorizzazione dell’immagine della libreria o della biblioteca – è legato da un lato all’originalità della proposta che viene presentata, ma dall’altro anche alla professionalità di chi svolge e conduce il workshop. A questo fenomeno sarà dedicato domenica 23 aprile, dalle ore 11.30 alle 12.20, presso la sala Bodoni (Pad. 2), il workshop “L’artigianato editoriale come servizio per librerie e biblioteche”. L’evento vedrà l’intervento di Eugenio Massetti, editore e presidente di Confartigianato Imprese Lombardia, Natale Codina, Maestro legatore della legatoria d’arte Giovanni Codina, Sandro Tiberi, Maestro cartaio da Fabriano, e in qualità di moderatore Matteo Morandi, Fondazione Germozzi.

“C’è molta attesa da parte nostra per questa prima edizione di Tempo di Libri – commenta Eugenio Massetti – crediamo che questa nuova manifestazione possa costituirsi come punto di riferimento importante per il settore e siamo felici di essere presenti. Invito tutti gli appassionati a venirci a trovare al nostro stand, dove potranno vivere in prima persona il profondo legame tra artigianato e libri, nelle sue diverse dimensioni”.

Organizzata da La Fabbrica del Libro (una nuova società costituita da Fiera Milano e da Ediser, società di servizi dell’Associazione Italiana Editori), Tempo di Libri coinvolgerà in 35mila metri quadrati di spazi moderni e attrezzati editori, autori, bibliotecari, librai e lettori in un grande evento in cui si fonderanno tradizione e innovazione. Sarà una manifestazione dalla spiccata dimensione internazionale: ideale punto di incontro tra operatori stranieri ed eccellenze nazionali. Ma un rapporto speciale sarà sviluppato con il territorio, a partire da quello di Milano: le librerie e le biblioteche della città (e della Lombardia) saranno coinvolte in una serie di iniziative che confluiranno il 23 aprile nella Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore. La Fiera sarà aperta dalle 10 alle 19 e sarà accompagnata da una costellazione di appuntamenti serali.

La presenza di Brescia a “Tempo di libri” è completata da “La Compagnia della Stampa – Massetti Rodella Editori”, “Editrice Morcelliana”, “Editrice La Scuola” e “La Fondazione Il Vittoriale degli Italiani”.

MASSIMO VENTURELLI 20 apr 08:11