lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Breno
di REDAZIONE 11 set 10:00

I ritratti camuni di Ceruti

La mostra, a 250 anni dalla morte dell’artista, dedicata a Oreste Marini

A 250 anni dalla scomparsa di Giacomo Ceruti (Milano, 1698-1767) una mostra, allestita presso il Museo Camuno di Breno e organizzata da Associazione Cieli Vibranti, presenta l’attività di ritrattista che il grande pittore svolse in Valle Camonica. L’evento, sostenuto dal Distretto Culturale di Valle Camonica, dal Comune di Breno e da Fondazione Comunità Bresciana, è curato da Filippo Piazza, responsabile scientifico del Museo Camuno. La mostra è dedicata alla memoria di Oreste Marini (Castelgoffredo, 1909 – Castiglione delle Stiviere, 1992), professore, critico e pittore che fornì un importante contributo agli studi cerutiani. Per la prima volta sono presentati in mostra quasi tutti i ritratti eseguiti da Giacomo Ceruti per le famiglie di Valle Camonica. Il Ritratto di Elisabetta Albrici è stato scelto come immagine simbolo della mostra.

La serie di dipinti esposti, tredici complessivamente, convocati sia da raccolte pubbliche (la Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia, l’Accademia Tadini di Lovere, il Museo Lechi di Montichiari) sia da importanti collezioni private, consente di precisare il rapporto tutt’altro che episodico instaurato da Ceruti con la Valle Camonica, dal 1725 al 1740 circa. La mostra è suddivisa in quattro sezioni: la prima parte rappresenta una introduzione, presentando tre dipinti databili nella seconda metà del Seicento, che dunque precedono l’attività di Ceruti in Valle Camonica. La seconda sala è dedicata ai ritratti realizzati da Ceruti per la famiglia Cattaneo di Breno. La terza è dedicata ai coniugi Bonometti e al capolavoro intitolato “Uomo con boccale”. Infine la rassegna chiude con lo scenografico Ritratto Federici. Molte le iniziative collaterali, tra cui alcune conferenze e visite guidate ai “luoghi cerutiani” in Valle Camonica.

L'inaugurazione della mostra è in calendario per il 16 settembre 2017 e sarà aperta al pubblico fino al 7 gennaio 2018

REDAZIONE 11 set 10:00